Il Meeting di Lucca, secondo me… pensieri “laterali” in libertà.

Le “emozioni” del V Meeting “Docenti Virtuali e Insegnanti 2.0” raccontate da Paolo Gallese.

Insegnanti 2.0

Mi è stato chiesto di scrivere sul recente Meeting di Lucca, annuale appuntamento dei docenti ed insegnanti 2.0 che su Facebook hanno creato e fatto crescere due importanti comunità nazionali.

Ed è bene premettere che la mia personale posizione, sull’utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica, non è esente da osservazioni di prudenza in primis e di perplessità su alcuni aspetti. Pur essendo io stesso non soltanto un utilizzatore (potremmo dire) avanzato, ma formatore in questo ambito da molti anni.

Di conseguenza, la mia esperienza al meeting come semplice osservatore ospite, è stata caratterizzata da un felice stupore, da una calda rassicurazione, dalla scoperta di una condivisa e attenta valutazione di ciò che si può fare e da ciò che vale la pena provare a fare, o continuare a fare.

Sembrano aspetti banali, ma non è proprio così, dal momento che spesso si è parlato di eccessivo entusiasmo, di fideistica corsa…

View original post 592 altre parole

La Top 10 del “gruppo mamme” della scuola elementare

Esilarante cronaca REALE del mondo virtuale! Complimenti all’autore!!!😃

Back to the Blog

Conclusi 5 anni di (folle ed immotivata) esperienza da unico genitore maschio privo di cariche istituzionali nel “gruppo mamme” su WhatsApp della scuola elementare di mia figlia, – benchè partecipante sostanzialmente passivo -, posso finalmente fare un bilancio di questa esperienza traumatica, ma a tratti divertente, ed estrarre una “top ten” degli episodi maggiormente significativi, nella quale credo che molti di voi si riconosceranno.

10 – Buongiorno! Buon pranzo! Cosa state cucinando? Buonanotte!

Il gruppo mamme è prima di tutto un gruppo sociale, costituito da persone che utilizzano whatsapp felici come antilopi cresciute in cattività che improvvisamente si catapultano in una vita allo stato brado. Così, 20 e più mamme iniziano con entusiasmo al primo anno a darsi il buongiorno al risveglio e la buonanotte alla sera, coscienti che – se dovessero mai dimenticare il telefono da qualche parte per una buona mezza giornata -, troverebbero in ogni caso almeno 300 notifiche di messaggi. Molte delle quali…

View original post 2.260 altre parole